Libri


Lo Spirito e la Carne è una serie di dieci racconti, scritti in diversi momenti dell’evoluzione artistica dello scrittore e che in un certo senso ne segnano anche le tappe di crescita interiore.
I racconti di questa raccolta hanno in comune fra loro l’esplorazione dell’animo umano in tutte le sue sfaccettature. Il sottotitolo Racconti bianchi e neri sta ad indicare l’ambientazione e il messaggio che il racconto vuole comunicare al lettore, senza giudizio etico o morale.
Si collocano tra i neri in primo luogo la serata tipo di uno stupratore seriale (La caccia), la vicenda di un ingegnere che suo malgrado viene coinvolto nei crimini di una setta satanica per colpa di una fotografia (Istantanea), e la tragica fine di una storia d’amore fra adolescenti (La compagna di classe). Tra i bianchi invece possiamo collocare l’incontro salvifico tra un delfino e un ittiologo (Eeoow), quello altrettanto magico tra un uomo distrutto dal lutto della figlia e la donna che riesce a dargli nuova speranza (Il tocco di un angelo), e la presa di consapevolezza di un uomo che non viene più riconosciuto dagli altri perché decide di trasformare la propria vita senza più subirla (Invisibile).
A questa divisione così netta si sottraggono parzialmente i racconti rimanenti, a seconda del significato e della chiave di lettura che il lettore vuole dare.
"L’uomo sbagliato" mostra lo spaccato di vita quotidiana di un manager fallito, la cui unica fonte di gioia è l’incontro e la relazione con una ragazza molto più giovane di lui, e che lo aiuta ad affrontare le difficoltà della vita con la sua presenza e il suo amore.
La particolarità del racconto "Solo" è che il lettore capisce la natura del protagonista solo alla fine dello stesso.
"L’Albero" è un racconto in cui l’elemento simbolico e spirituale è fortemente presente, e segna l’ascesa e la caduta di un costruttore senza scrupoli.
"Mio padre" è la storia di una figlia che si ribella al padre-padrone che tenta di violentarla, e che termina con la morte di quest’ultimo per mano della figlia stessa.